Cantautrice, poetessa, autrice e paroliera per i grandi protagonisti della scena musicale italiana: tutto questo è Giulia Ananìa, artista poliedrica con una personale visione della musica che coniuga il pop d’autore all’amore per la poesia, per le sonorità urbane e il racconto contemporaneo.

Dopo esperienze come Sanremo nel 2012, le grandi hit scritte per Laura Pausini, Paola Turci, Emma, Nek e il suo omaggio a Gabriella Ferri e alla Roma contemporanea con lo spettacolo Bella, Gabriella! nel 2017 Giulia è tornata a parlare in prima persona con un nuovo album intitolato “Come l’oro”, uscito il 22 aprile 2017 per l’etichetta Bassa Fedeltà.

“Come l’oro” è stato definito album salvifico per la musica italiana (http://bit.ly/2qRTUo0) e il primo esempio di urban-pop music nel nostro paese, scritto e prodotto da Giulia tra Berlino, Dublino, Milano e Roma insieme ai produttori Matteo Cantaluppi e Marta Venturini.

Nell’album sono coinvolti tanti ospiti e amici: gli attori Francesco Montanari e Michele Botrugno, Coez come co-autore del singolo “Le stelle cadono”, il rapper Lucci nel brano dedicato alle morti bianche “Il Volo”, il poeta anonimo Er Pinto, il sound designer Stefano De Angelis 66k.

In tutti i live che si sono susseguiti dall’uscita del disco – ogni volta diversi – si sono alternati sul palco con Giulia grandi artisti: Paola Turci, Giorgio Tirabassi, Lunetta Savino, Ascanio Celestini, Francesco Montanari, Lucci Brokenspeakers, Luca Vecchi e i Cor Veleno.

Nel disco si sfiorano temi importanti, raccontati con poesia e leggerezza pop, in un mondo sonoro originale. Si parla di integrazione, di periferie e di nuove società multietniche, degli zombie dei sabati sera, dei morti sul lavoro e del tentativo di rimanere puri come artisti, ma si parla anche tanto dell’amore e della difficoltà, al giorno d’oggi, di lasciarsi andare ai sentimenti.
 All’Eremo Club Giulia Ananìa, in versione acustica, porterà una pillola di questo disco; sul palco con lei ci sarà Felice Zaccheo.
Intervista per TKO Popolare Network Bari.